Baccarat o baccarà? Storia del gioco di carte principe dei casinò - Jack The Dealer
Baccarat o baccarà? Storia del gioco di carte principe dei casinò

Baccarat o baccarà? Storia del gioco di carte principe dei casinò

Le sue origini si perdono nel Medioevo italiano ma il successo è arrivato nelle sale da gioco di Cuba e di Las Vegas, fino a diventare un fenomeno mondiale. E il futuro è con Jack the Dealer

Baccarat Baccara Jack the dealerMolti giocatori d’azzardo lo preferiscono al Black Jack e lo considerano il gioco principe dei casinò. Molti non sanno che le sue origini sono antichissime.

Sembra poi certo che si tratti del primo gioco di carte da tavolo, o almeno tra i primissimi. Tralasciando il cruento rituale “dei nove Dei” praticato dagli etruschi, durante il quale una vergine dai capelli biondi affidava il suo destino di vita o morte al lancio di un dado a nove facce – che qualche studioso vorrebbe vedere antesignano del Baccarat -, è invece certo che nel Medioevo nacque qualcosa di simile alla versione del gioco moderno.

Baccarà in antico gergo italiano significa “zero”

Secondo molti esperti il Baccarat avrebbe un’origine tutta italiana, essendo nato come gioco di società a metà del Medioevo nella nostra penisola: per giocare le partite si usavano però all’inizio le carte dei Tarocchi. A conferma ci sarebbe il fatto che lo stesso nome del gioco deriva da una parola italiana, “baccarà”, che veniva usata in quell’epoca e significava “zero”, proprio come  il valore delle figure e dei numeri 10 secondo le regole del gioco.

Tra le sue varianti lo “Chemin de Fer” e il “Punto Banco”

Dal territorio italiano si diffuse poi in Francia (dove prese la scrittura “baccarat”) e in tutta Europa dove il successo fu enorme, soprattutto tra la nobiltà francese del 1500. Nel corso dei secoli il gioco ha subito diverse trasformazioni, cambi di nome e di regole.

La variante più famosa è lo “Chemin de Fer”, nato in Francia ma subito affermatosi in tutta Europa nel 1800, a partire dall’Inghilterra.

Si cominciò quindi a giocare il cosiddetto Baccarat Europeo, che attraversò poi l’Oceano per raggiungere dapprima il Sud America e poi Cuba. Fu proprio nei casinò dell’isola caraibica che nacque una variante che viene giocata ancora oggi: il “Punto Banco”.

Il grande successo esplose a Las Vegas

Da Cuba il passaggio negli Stati Uniti fu rapido e altrettanto il successo che il gioco riscosse negli hotel di Las Vegas. Fu Tommy Renzoni il primo manager di sale da gioco a credere nel Baccarat, dopo averlo conosciuto a Cuba e averlo portato nel primo casinò della città, il famoso “Dunes”. Da allora, era il 1950, il Baccarat è diventato una vera e propria icona dei casinò e la sua diffusione in tutto il mondo non si è più fermata, fino a diventare, in tempi molto più recenti, una vera e propria star dei casinò online.

Jack the Dealer mescola e distribuisce anche per il Baccarat

Oggi c’è un alleato in più per chi pretende giustamente che il gioco sia pulito, sia al tavolo del casinò che a casa con gli amici. Si chiama Jack the Dealer ed è un robot che mescola e distribuisce le carte per tutti i giochi più praticati, anche per il baccarat.

Se il Baccarà è il tuo gioco preferito scopri come funziona Jack the Dealer e lasciaci un commento!

Vuoi saperne di più? Iscriviti alla nostra newsletter.

FEDERAZIONECIRCOLODISTRIBUTOREGIOCATORE
Accetta la normativa sulla Privacy

 

1 Comment

  1. Ashli ha detto:

    Before long you’ll recognize people merely start
    foldable left right and heart.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Show Buttons
Hide Buttons